L’amante de legno

Liberamente tratto da "El martirio de San Sebastian" di Ceschi-Galeazzi, da Danilo Dal Maso e Donnisio da Montecio


Regia di Alvin

 


 

LA TRAMA
Un mediocre scultore del legno, accecato dalla gelosia per la giovine sposa, sfoga le sue frustrazioni nella realizzazione del capolavoro della sua vita: una statua di San Sebastiano trafitto dalle frecce, commissionatagli dal curato del paesotto veneto in cui si svolge il fatto. La povera statua lignea diventerà, suo malgrado, non solo complice e testimone del temuto tradimento, ma anche vittima della vendetta del focoso e maturo marito. Poi, come sempre, tutto tende a chiarirsi per risolversi nel solito rassicurante lieto fine, ma...

NOTE DI REGIA
La gelosia... questo eterno sentimento che nei tempi ha causato litigi e conflitti, diventa, in questo nuovo lavoro dell’Astichello, il pretesto per far rivivere, attraverso l’arte del teatro, modi di dire, usi e costumi della nostra terra veneta. Partendo dal testo di Lodovico Ceschi (alias Cesco Baseggio) e Galeazzo Galeazzi, i nostri autori hanno rivisto l’opera, dando spazio a macchiette e modi di dire più tipicamente vicentini. La regia ha cercato, col meccanismo teatrale, di assecondare questo intento disegnando, sul palcoscenico, avvenimenti comici, a volte assurdi, con tratti leggeri, senza mai scadere nella comicità volgare e scontata. Una messa in scena che vuole dare ad ogni personaggio la sua giusta caratterizzazione, mettendo in ridicolo, mai con cattiveria, le nostre debolezze. Il ritmo dello spettacolo, volutamente incalzante e la recitazione naturale, creano un insieme di brio e musicalità che ci fa apprezzare le tipiche sonorità del parlare "dialetto". Uno spettacolo che vuole quindi principalmente divertire e... se qualcuno vuole fare delle riflessioni sulla gelosia e sul tradimento... faccia attenzione perché noi, per risolvere la situazione, abbiamo dovuto scomodare addirittura un Santo. Il recupero di questo testo vuole anche essere, in un momento in cui la produzione drammaturgica in lingua veneta è quasi del tutto assente, un omaggio a un grande interprete del Teatro Veneto - Cesco Baseggio - che con questa opera si è cimentato nelle vesti di autore/attore.

Sei qui: Home Repertorio L'amante de legno

logo fitalogo fitaveneto